Disturbi neurodegenerativi: UPitt scopre proteina che determina differenze di genere


disturbi neurodegenerativi

Università di Pittsburgh: scoperta la proteina collegata alle differenze di genere che determina l’insorgere di disturbi neurodegenerativi legati all’età

Non capita spesso che gli scienziati si imbattano in un fenomeno che può essere osservato nei moscerini della frutta, nei roditori, e negli esseri umani. In un articolo pubblicato su Aging Cell, un gruppo di neuroscienziati della University of Pittsburgh Schools of the Health Sciences – legata all’Italia attraverso UPMC, gruppo sanitario affiliato all’ateneo statunitense – rivelano di avere individuato la proteina (un trasportatore di glutammato sulla membrana delle vescicole che trasportano la dopamina nei neuroni) che determina la vulnerabilità del cervello alla perdita di neuroni legata all’invecchiamento, che risulta diversa tra uomo e donna.

I ricercatori hanno potuto osservare che la proteina, chiamata VGLUT, risulta più abbondante nei neuroni di dopamina di moscerini della frutta, roditori ed esseri umani di sesso femminile rispetto ai maschi, e hanno potuto collegare questa scoperta alla maggiore resilienza delle donne alla perdita di neuroni legati all’invecchiamento, e all’insorgere di problemi motori. Utilizzando una combinazione di tecniche biochimiche e genetiche, così come studi comportamentali in cui la locomozione delle mosche è stata monitorata per un periodo di 24 ore, gli scienziati hanno potuto dimostrare che riducendo geneticamente i livelli di VGLUT nelle mosche femmine, diminuisce anche la loro resistenza alla neuro-degenerazione associata all’invecchiamento.

freyberg-figure-hr

“Dalle mosche ai roditori agli esseri umani, abbiamo scoperto che i livelli di VGLUT distinguono i maschi dalle femmine durante l’invecchiamento sano”, spiega Zachary Freyberg, M.D., Ph.D., professore assistente di psichiatria e biologia cellulare della University of Pittsburgh. “Il fatto che questo marcatore di sopravvivenza dei neuroni della dopamina è conservato in tutto il regno animale, ci suggerisce che siamo davanti a un fenomeno fondamentale della biologia. Capire come funziona questo meccanismo può aiutarci a prolungare la resilienza dei neuroni della dopamina, e a ritardare l’invecchiamento”.

I disturbi neurodegenerativi come il morbo di Parkinson hanno maggiori probabilità di svilupparsi con l’età. Il morbo di Parkinson – una lenta ma inesorabile perdita di neuroni di dopamina nel cervello che compromette la capacità di muoversi o parlare – è noto per colpire prevalentemente gli uomini. Ma mentre le differenze biologiche di genere, che derivano da una combinazione di influenze ormonali, genetiche e ambientali, sembrano spiegare perché le donne sono protette dalle prime fasi del Parkinson, il driver e regolatore di queste protezioni era, fino ad ora, sconosciuto.

“Abbiamo scoperto i livelli di VGLUT sono più alti negli organismi femminili che in quelli maschili, che aumentano con l’avanzare dell’età, e che è proprio questa proteina a “proteggere” dall’insorgere di disturbi neurodegenerativi”, aggiunge Silas Buck, candidato al dottorato al Pitt Center for Neuroscience. “Tutto questo, ci suggerisce che la proteina può avere un ruolo nel regolare le differenze di sesso nella vulnerabilità alla neuro-degenerazione nel Parkinson, e in altri disturbi neurologici per cui l’incidenza risulta minore nelle donne”.

Poiché i tassi del morbo di Parkinson sono in rapido aumento – si prevede che il numero di persone colpite dalla malattia in tutto il mondo raggiunga i 20 milioni entro il 2040 – gli scienziati della University of Pittsburgh sperano di sondare ulteriormente il ruolo di VGLUT nella neuro protezione negli esseri umani.

“Il Parkinson sta assumendo volumi epidemici, dobbiamo capire come rendere i nostri neuroni più resistenti”, conclude Freyberg. “Questa proteina è la chiave non solo per capire la biologia fondamentale al centro della sopravvivenza dei neuroni della dopamina, ma anche per sviluppare nuove terapie”.

Dove siamo

Scopri dove sono i nostri centri medici in Italia. (Sicilia, Lazio e Toscana).

upmc2

Divisione italiana del Centro Medico dell’Università di Pittsburgh con sedi a Roma (UPMC Hillman Cancer Center San Pietro FBF, radioterapia oncologica e UPMC Salvator Mundi International Hospital), Palermo (ISMETT IRCCS, trapianti e terapie ad alta specializzazione e Fondazione Ri.MED, ricerca), Chianciano Terme (UPMC Institute for Health, medicina preventiva e Palestra della Salute) e Mirabella Eclano (UPMC Hillman Cancer Center Villa Maria, radioterapia oncologica).

upmc1

UPMC è un’azienda sanitaria integrata con sede principale a Pittsburgh, Pennsylvania. Grazie alle sue elevate competenze cliniche, gestionali, di ricerca e formazione, UPMC è tra i sistemi sanitari leader negli Stati Uniti.

upmc3

UPMC International offre una vasta gamma di servizi di consulenza sanitaria e gestionale condividendo conoscenze e competenze cliniche, tecnologiche e gestionali con partner in diverse parti del mondo, personalizzando le soluzioni a vantaggio dei pazienti e del territorio.

Seguici: