ISMETT: reparto speciale per i pazienti affetti da COVID-19


IRCCS

Un reparto speciale presso il centro trapianti UPMC in Sicilia è pronto a prestare le cure ai pazienti affetti da COVID-19

Articolo di Paul J. Gough pubblicato sul Pittsburgh Business Times il 27 Marzo 2020.

Un reparto con 45 posti letto destinati a pazienti affetti da COVID-19 è stato realizzato presso il Centro trapianti e terapie ad alta specializzazione UPMC in Sicilia. Il Centro è inoltre impegnato, in collaborazione con il governo regionale, nell’acquisto di nuovi dispositivi di protezione individuale (DPI) e di ventilatori provenienti dalla Cina, da utilizzare sul territorio siciliano e inoltre, se sarà possibile, anche negli altri centri UPMC in Italia.

Oggi presso ISMETT (Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad alta specializzazione), nato nel Giugno 1997 grazie a una partnership tra UPMC e Regione Sicilia, si eseguono trapianti d’organo (tra cui fegato e polmone), terapie di alta specializzazione e chirurgia pediatrica ad alta complessità.  ISMETT è un ospedale del sistema sanitario regionale: dopo aver messo le proprie competenze a disposizione della regione nel 2010 in occasione della pandemia influenzale H1N1, oggi fa lo stesso per il COVID-19.  Sebbene l’epicentro dell’epidemia sia localizzato nel nord Italia, vicino Milano, l’intero paese si trova in uno stato di chiusura totale dall’inizio di Marzo.  In Italia si sono registrati 80.539 casi di contagio e oltre 8.000 decessi.  Ad oggi si sono verificati inoltre circa 1.500 casi a Roma e circa 700 in Sicilia, l’isola più a sud del paese, situata sotto il “tacco” della penisola.

“In Sicilia il numero di casi è in aumento ma la situazione non è drammatica come al nord”, ha dichiarato il Prof. Bruno Gridelli, amministratore delegato di UPMC Italy, in una video intervista registrata venerdì mattina dal centro ISMETT di UPMC a Palermo.  “E’ possibile che si registri qualche migliaio di casi nell’arco delle prossime due settimane, ma non sappiamo con esattezza quanti.”

Tuttavia UPMC Italy non intende lasciare nulla al caso.  ISMETT è pronto a ricevere pazienti affetti da COVID-19 in un padiglione separato dall’edificio principale, per evitare la diffusione del virus, altamente contagioso, tra gli altri pazienti e il personale sanitario.  L’intervento di ISMETT non è ancora stato richiesto poiché gli ospedali Siciliani non hanno ancora raggiunto la situazione di sovraccarico che invece caratterizza le strutture del nord Italia.  Il governo siciliano sta acquistando 250.000 dispositivi di protezione individuale per il proprio sistema sanitario, di cui fa parte anche ISMETT, la cui consegna è prevista per il prossimo fine settimana, soggetta alle attuali incertezze che caratterizzano le reti di trasporto. ISMETT sta curando i propri pazienti in terapia intensiva ed è pronto ad espandersi quando sarà necessario.

“Il reparto è praticamente pronto.  Attendiamo i dispositivi di protezione individuale”, ha detto il Prof. Gridelli.  “Attualmente abbiamo un numero di dispositivi sufficiente per le normali attività di trapianto e alta specializzazione che si svolgono normalmente presso il nostro Istituto.  Anche se non abbiamo pazienti affetti da COVID-19, alcune procedure effettuate qui richiedono l’utilizzo di dispositivi di protezione.” Il Prof. Gridelli ha dichiarato che ISMETT è in attesa dei dispositivi di protezione in numero necessario ma che, in caso di emergenza, potrebbe già adesso prendere in cura un paziente COVID-19.  Afferma inoltre che il personale è già pronto.  Il Prof. Gridelli si è trasferito da Roma in Sicilia circa una settimana fa.  “Tutto il personale è stato adeguatamente formato e informato sull’uso delle necessarie precauzioni da adottare”, ha continuato Gridelli.  “Non posso certo affermare che l’attività prosegue normalmente, tuttavia continuiamo a lavorare e a fare tutto il possibile per garantire le migliori cure ai nostri pazienti.”  Presso ISMETT un paio di giorni fa è stato eseguito un trapianto di fegato e proseguono le cure di casi oncologici e chirurgici che non possono essere procrastinati.

Oltre a ISMETT in Sicilia, UPMC gestisce due centri oncologici in Italia, uno a Roma e uno vicino Napoli. Sono entrambi attivi e continuano a curare i pazienti.  Il Prof. Gridelli ha precisato che i governi regionali di Lazio e Campania hanno dato indicazione di proseguire le attività nei due centri UPMC, adottando tutte le precauzioni necessarie.  Ciascuno dei due centri, ha detto il Prof. Gridelli, ha avuto un paziente rivelatosi in seguito positivo al COVID-19, ma non vi è stato alcun contagio né tra i pazienti né tra il personale sanitario.

“Fortunatamente non vi sono state conseguenze grazie al fatto che sono state adottate tutte le misure necessarie per prevenire il diffondersi dell’infezione tra i pazienti e il personale sanitario”, ha continuato Gridelli.  Secondo Gridelli la presenza in Italia ormai da tanti anni di UPMC sta aiutando il governo e allo stesso tempo rendendo l’apporto di UPMC ancora più indispensabile di quanto già non lo fosse in passato.

L’approvvigionamento di DPI, ventilatori e altre forniture dalla Cina, reso possibile da UPMC Italy, potrebbe avere dei potenziali benefici anche per l’attività di UPMC negli Stati Uniti. Gridelli sostiene infatti che vi è sempre incertezza sull’affidabilità dei fornitori con cui non si è mai lavorato in passato, ma che grazie anche ai colleghi di UPMC China, è stato possibile acquisire informazioni sulla qualità e la credibilità dei produttori.

“Un paio di giorni fa, con UPMC China, abbiamo visitato via Zoom una delle fabbriche produttrici di mascherine, camici e divise”, ha raccontato Gridelli.  “Osservando le fabbriche, la qualità dei materiali e i loro metodi di lavoro, abbiamo potuto appurare che si tratta di prodotti ottimi.”

Dove siamo

Scopri dove sono i nostri centri medici in Italia. (Sicilia, Lazio e Toscana).

upmc2

Divisione italiana del Centro Medico dell’Università di Pittsburgh con sedi a Roma (UPMC Hillman Cancer Center San Pietro FBF, radioterapia oncologica e UPMC Salvator Mundi International Hospital), Palermo (ISMETT IRCCS, trapianti e terapie ad alta specializzazione e Fondazione Ri.MED, ricerca), Chianciano Terme (UPMC Institute for Health, medicina preventiva e Palestra della Salute) e Mirabella Eclano (UPMC Hillman Cancer Center Villa Maria, radioterapia oncologica).

upmc1

UPMC è un’azienda sanitaria integrata con sede principale a Pittsburgh, Pennsylvania. Grazie alle sue elevate competenze cliniche, gestionali, di ricerca e formazione, UPMC è tra i sistemi sanitari leader negli Stati Uniti.

upmc3

UPMC International offre una vasta gamma di servizi di consulenza sanitaria e gestionale condividendo conoscenze e competenze cliniche, tecnologiche e gestionali con partner in diverse parti del mondo, personalizzando le soluzioni a vantaggio dei pazienti e del territorio.

Seguici: